Il crowdfunding Lantana per i libri stampati

L’idea di utilizzare il crowdfunding per finanziare la pubblicazione di libri in forma cartacea si sta sempre più diffondendo. Quando si presenta nella forma di prevendita di opere editoriali, anche se a prima vista sembra una soluzione di ripiego, è idealmente la formula migliore di finanziamento. In pratica il libro inizia ad esistere, l’editore e l’autore creano una campagna di comunicazione e chi è interessato all’argomento (o al fatto che quell’argomento sia pubblicato e reso disponibile per altri) lo supporta con un pre-acquisto.
In un mondo ideale l’editore rischia il suo capitale per stampare i libri, li distribuisce per recuperare l’investimento e poi magari ne trae anche un profitto. Purtroppo oggi la realtà per gli editori indipendenti non è più tale, dopo che la crisi economica generale e la specifica crisi epocale che ha colpito il mondo dell’editoria hanno reso questa attività impossibile.
Una ricerca dell’associazione dei librai inglesi ha calcolato quanto tempo è stato sottratto alla lettura di giornali e libri dall’avvento dei social network: Ne è risultato che si sono già perse un’ora e mezza al giorno di tempo-lettura per ciascun cittadino inglese. Proviamo a immaginare il risultato della stessa ricerca in Italia e possiamo facilmente immaginare una delle ragioni della crisi dell’editoria. L’altra ragione della crisi è data dell’impoverimento progressivo di quel gruppo di persone che erano tradizionalmente forti consumatori di contenuti culturali e di libri, in particolare intellettuali, insegnanti, artisti, creativi, designer, giornalisti, attori.

Nel prossimo futuro, sempre di più, per investire denaro nella produzione di testi stampati, l’editore avrà bisogno di avere la conferma dalla propria comunità di lettori che l’opera in pubblicazione suscita un interesse tale da spingere alcuni di loro all’acquisto. Senza questa conferma di interesse il rischio per l’editore di perdere completamente l’investimento è altissimo e l’attività stessa diventa impraticabile.
Ma siamo disposti a rinunciare ai libri? C’è qualcuno che come noi pensa che i libri siano ancora semplicemente necessari? Che alcune storie e conoscenze non possono essere abbandonate per strada?
In questa situazione di crisi la soluzione “finanziamento dalla folla” cresce: “Il crowdfunding è una importante fonte di finanziamento ogni anno per circa mezzo milione di progetti europei che altrimenti non riceverebbero mai i fondi per vedere la luce. Nel 2013 in Europa sono stati raccolti fondi pari a circa un miliardo di euro. Si stimano aumenti esponenziali nel prossimo futuro (milioni di miliardi entro il 2020) grazie al crowdfunding, che trova tutti gli elementi per poter sprigionare al meglio le sue potenzialità nel web 2.0.” Wikipedia (https://it.wikipedia.org/wiki/Crowdfunding) cita VASSALLO,W. Crowdfunding nell’Era della Conoscenza, Franco Angeli, Milano, 2014.

Per ora stiamo facendo un “Crowdfunding per ricompensa”, raccogliamo fondi per produrre un libro che poi consegnamo ai finanziatori come ricompensa, ma è probabile che piccoli editori come Lantana nei prossimi anni lancino anche altre forme di raccolta fondi come gli “Equity crowdfunding” ovvero la “mini quotazione social” che prevede la cessione di quote dell’impresa editoriale.
Cover_MissioneIncompiuta_quattroIn questo primo progetto Afghanista Missione incompiuta abbiamo scelto come partner Ulule.com, una piattaforma francese che ci è sembrata la più adatta ai progetti editoriali e culturali in genere con un tasso di successo molto alto. Il libro di Nico Piro è stato subito messo in produzione come ebook, ma con le sue 650 pagine è risultato troppo costoso per essere stampato su carta. Un argomento che rappresenta un pezzo di storia contemporanea di questa epoca, piena di inutili guerre dimenticate dai media, a nostro avviso non poteva rimanere relegato nel piccolo entourage degli ebook ma deve diventare anche un libro fisico.
I nostri sostenitori che preacquistano una copia del libro o dell’ebook non solo ottengono la loro copia a un buon prezzo, ma rendono possibile la distribuzione del libro in libreria permettendo a molti altri di entrare in contatto con questa storia.

La redazione Lantana