coperitna di Guglielmo Vita


Nato a Milano (1876) da un ricco industriale di religione ebraica e da madre cattolica di origini contadine, Guglielmo Vita fu artista versatile e originale, architetto, scrittore. Laureatosi in ingegneria per assecondare il desiderio paterno, dal 1905 si stabilì definitivamente in Toscana. Qui visse e lavorò alcuni anni in un capanno sul mare, a contatto con gli umili e con la natura, contornato dalla piccola colonia di artisti che in quegli anni aveva eletto la Versilia a patria comune.
Trasferitosi a Firenze, progettò e realizzò il villino Casa Vita, esempio dell’unione ideale tra artigianto e arte. A Firenze rilevò inoltre una piccola e prestigiosa casa editrice, Il Rinascimento del Libro, che nel 1932 pubblicò Dolce Versilia.

Una storia da ridere

In questo documentario la vita del regista si intreccia e si confonde con quella dei suoi personaggi e dei loro interpreti. Dal racconto emerge il ritratto di un’Italia in cammino che, anche sotto il dominio e l’influenza di regimi politici e culturali, rimane fedele al suo spirito più autentico grazie anche a personalità «eretiche» come quella di Monicelli. La sua grandissima popolarità scaturisce infatti da un punto di vista antieroico e antiretorico: è attraverso la commedia che si svelano i grandi meccanismi della storia. (altro…)

Esaurito