coperitna di Penso, dunque chi sono?
Peter Weissman

Penso, dunque chi sono?


Traduzione di Serena Brugnolo
uscita febbraio 2011
pagine 352
formato brossura – 14 x 21,5 - bandelle
ISBN 9788897012023


prezzo € 19,50

Esaurito

Accolto negli Stati Uniti con entusiasmo dai lettori di più generazioni, Penso, dunque chi sono? è stato apprezzato soprattutto per la capacità di rendere fuori da ogni cliché l’irripetibile vitalità e le contraddizioni di un anno entrato a far parte della Storia: il 1967 dell’era hippie.

Supportata da una straordinaria memoria visiva che ha impresso ogni dettaglio, volto e situazione nella mente dell’autore, la scrittura di Weissman crea un effetto unico, rendendo i fatti narrati allo stesso tempo precisi e lontani, vivi, ma in un passato irraggiungibile. I vagabondaggi per le stra­de di New York, la Summer of Love a San Francisco, e tutta l’odissea di esperienze catalizzate dalle droghe psichedeliche sono stati elaborati da Weissman per quasi trent’anni. E via via che la rievocazione scorre – dalle speranze iniziali al fallimento della comune, alla morte dell’amico Tom e alla ricerca delusa di un amore – lascia il posto ai dubbi evocati dal titolo: Penso, dunque chi sono?


«Scritte nell’arco di tre decenni durante i quali l’autore ha fatto i mestieri più disparati, queste memorie psichedeliche non conoscono l’autocompiacimento. Fanno rivivere con un pizzico d’ironia un’era per ciò che è veramente stata». Tommaso Pincio, RollingStone

«È un libro unico, che si aggiunge al pantheon della letteratura visionaria! Benvenuto! Mr. Weissman sta all’LSD come Burroughs all’eroina e Hunter Thompson allo speed». Amazon.com

perché leggerlo:

• Un’epoca mitica raccontata senza retorica

• Per gli appassionati di Kerouac, Thomson, Wolfe e della controcultura americana

• Una scrittura piena d’intelligenza, originale e ironica

Esaurito

...