coperitna di Quel che mi disse Andy Warhol a Roma, di mattina
Vanni Ronsisvalle

Quel che mi disse Andy Warhol a Roma, di mattina


uscita settembre 2015
pagine 80
formato 12x18 con bandelle
ISBN 9788897012818


prezzo € 10,00

Esaurito

«Una volta in una suite del Grand Hotel incontrai Andy Warhol. Devo dire che mi accolse con l’affabilità che in genere si riserva ai lampadari. Poi mi buttò le braccia al collo. Lui invece mi apparve subito perfettamente a posto, nulla di sorprendente. Aveva indosso una vestaglia di organza, con maniche che finivano in strombature piumose. In piedi in mezzo al letto lottava per un’equilibrata sistemazione sul cranio, spalmato di lucente colla bianca, del parrucchino biondo».
Un incontro nella Roma degli anni Settanta tra Andy Warhol e un intellettuale colto e ironico, un dialogo itinerante tra i marmi della Roma antica che lo disegnano per contrasto come una «incarnazione del banale». Intervista e saggio critico, in bilico tra riflessione e avvenimento, il racconto autobiografico raccolto da Vanni Ronsi-svalle raggiunge il nostro presente, conferendo all’incontro il senso di un’immagine postuma. Quello che scaturisce da questa intervista inedita è un ritratto di Warhol artista provocatorio e consapevole della «derealizzazione» del mondo. Con l’inseparabile macchina fotografica a tracolla Warhol percorre le strade di Roma parlando di cinema, di amore, di sé stesso, ovvero dell’arte nell’era post-mediale. E prevede lucidamente il ruolo della violenza come forma di intensificazione della realtà nella  società dello spettacolo.

Andy Warhol

 

Esaurito

...