Una storia da ridere

In questo documentario la vita del regista si intreccia e si confonde con quella dei suoi personaggi e dei loro interpreti. Dal racconto emerge il ritratto di un’Italia in cammino che, anche sotto il dominio e l’influenza di regimi politici e culturali, rimane fedele al suo spirito più autentico grazie anche a personalità «eretiche» come quella di Monicelli. La sua grandissima popolarità scaturisce infatti da un punto di vista antieroico e antiretorico: è attraverso la commedia che si svelano i grandi meccanismi della storia.

Mario Monicelli

Monicelli è autore di alcuni tra i più grandi capolavori del cinema, come La grande guerra, I compagni, I soliti ignoti, L’armata Brancaleone, Amici miei. Nato a Viareggio nel 1915 in un’Italia ancora sofferente per le conseguenze della «grande guerra», trascorre gli anni della gavetta come assistente dei registi dei «telefoni bianchi», da cui apprende il mestiere di cinematografaro. Prolifico e sempre attuale fino agli ultimi anni della sua attività, il 29 novembre del 2010 compie la sua definitiva uscita di scena.

Esaurito